domenica 29 aprile 2012

ZENVO ST1 - Belva da 1.104 cv

Quest'ultima arrivata nel "club dei mille cavalli" è una realizzazione della Zenvo Automotive che arriva dalla Danimarca e che si presenta con uno stile innegabilmente affascinante, sapiente mix di grinta ed elegante sportività, dotata di una immagine così muscolosa e rifinita da renderla ai nostri occhi una delle proposte più belle e credibili di questa nicchia di mercato. Da molti sottovalutata perchè prodotta in pochissimi modelli e da una fabbrica pressochè sconosciuta, la Zenvo ST1 è tutt'altro che da sottovalutare. Anzi, attualmente è tra le "Top 3 Hypercar" a mio avviso solo dietro alla Bugatti Veyron 16.4 e la Koenigsegg Agera!! Iniziamo a vedere i punti forti di questo "mostro" Danese..

I 1.104 CV promessi dovrebbero scaturire a 6.900 giri/min. da un "ghiotto" V8 di 7 litri (di chiare origini USA) pompato a dovere da un compressore volumetrico e da un turbocompressore; la coppia massima dichiarata è ai massimi livelli, a quota 1.430 Nm a 4500 giri/min. Il piccolo produttore dedito alla costruzione artigianale di vetture speciali su ordinazione dichiara per la Zenvo ST1 una velocità massima (limitata elettronicamente) di 375 km/h, una accelerazione da 0 a 100 Km/h in 3 secondi, e da 0 a 200 Km/h in 8.9 secondi. Si tratta di valori che la porterebbero a livello della Bugatti Veyron, al momento la pietra di paragone per questo tipo di supercar estreme.

Il cambio è un 6 marce manuale, perfetto per trasmettere alle ruote motrici posteriori tutta la potenza necessaria a far balzare in avanti una simile belva da 802 CV/tonnellata a motore centrale. Uno dei grandi vantaggi della ST1 sta infatti nel peso limitato a 1.376 kg, ottenuto grazie al largo impiego della fibra di carbonio per telaio e carrozzeria. L'aerodinamica della coupé danese si sviluppa attorno a forme tutt'altro che contenute, con una lunghezza complessiva di 466 cm, una larghezza di 204 cm e un'altezza di soli 119 cm. Alcuni dettagli stilistici ricordano vagamente gli ultimi stilemi di scuola giapponese (vedi la calandra anteriore esagonale in stile Nissan GT-R), ma anche reminiscenze Lotus Evora. Veramente belle sono alcune soluzioni come le numerose prese d'aria piazzate con sapienza là dove servono, i profondi condotti aria che dai fianchi portano agli intercooler centrali/posteriori, il discreto alettone posteriore regolabile e integrato nella linea di coda, oltre agli sportivissimi cerchi con finitura nera opaca (19 pollici davanti e 20 pollici dietro) che ospitano pneumatici Michelin da 255/35 e 335/30.


Di serie è prevista la presenza di sedili rivestiti in pelle/alcantara regolabili elettricamente, di navigatore satellitare con schermo 16:9 e di chiave elettronica con avviamento a pulsante. Non è stato ancora reso noto il prezzo della Zenvo ST1, ma è certo che se riuscirà a superare la fase sperimentale (avviata nell'ormai lontano 2004) per approdare nel 2009 alla produzione in serie limitata a 15 esemplari annui, saprà trovare facilmente clienti danarosi e felici di sborsare l'ingente somma verosimilmente richiesta.


Concludo con un paio di video sulla Zenvo ST1, il secondo di mia produzione. Buona visione e al prossimo articolo!

Video sui primi test ufficiali della Zenvo! (video sottotitolato in ingelese..)


Mio video dove analizzo la Zenvo ST1...Buona visione!!



Vi ricordo di visitare la mia pagina Facebook e il mio canale YouTube :

Nessun commento :

Posta un commento

Publisher Website!